Prestito Tasso Fisso

Prestito Tasso Fisso
Prestito Tasso Fisso

Quando sentiamo parlare delle differenti formule di prestito proposte dagli istituti di credito e dalla banche, una delle distinzioni che vengono più sottolineate anche a fini pubblicitari sono quelle relative ai tassi d’interesse applicati.

L’ammontare di quest’ultima è infatti determinato da una parte di capitale e da una parte d’interessi che possono essere applicati in misura fissa o variabile.

Nello specifico il tasso variabile, come suggerisce il nome, varia in virtù di quelle che sono le variazioni e le oscillazioni del mercato finanziario, di conseguenza il beneficiario del prestito si troverà a pagare sempre importi diversi ogni mese.

Il tasso fisso invece garantisce al cliente la stabilità della quota mensile, stabilita in accordo con il creditore, per tutta la durata prevista dal piano di ammortamento permettendo così una migliore pianificazione ed una più pratica gestione delle proprie spese mensili.

Questo è sicuramente un ottimo vantaggio di cui tener conto nel momento in cui si sceglie tra l’una o l’altra formula di finanziamento ma, poiché il tasso d’interesse viene concordato al momento della stipula del contratto sulla base del valore di mercato di quel dato momento, qualora nel tempo il tasso dovesse calare, non si potrebbe fruire del nuovo valore raggiunto sul mercato.

Inoltre, mettendo a confronto i prestiti elargiti con tasso variabile con prestiti a tasso fisso, si noterà che generalmente i costi di questi ultimi sono più elevati.

È consigliabile quindi una buona valutazione di questi dettagli per poter godere del prestito più adatto alle nostre esigenze.