Consolidamento Debiti

Consolidamento debiti
Consolidamento debiti

A volte la facilità con la quale è possibile fare acquisti rateizzati ci fa incorrere nel rischio di accumulare un numero troppo elevato di rate da pagare a fine mese. Al di là del rischio di vedere il nostro stipendio dileguarsi rapidamente diventa anche oneroso mantenere i conti e ricordare le scadenze.

Un modo per facilitare la gestione di situazione così complesse è ricorrere al consolidamento debiti grazie al quale è possibile accorpare tutti i debiti contratti in una unica soluzione di finanziamento rimborsabile in una comoda rata mensile.

Il consolidamento debiti si articola in due varianti: Se la somma necessaria all’estinzione dei prestiti preesistenti non supera i 60 mila euro è sufficiente ricorrere ad un prestito personale quale la cessione del quinto dello stipendio.

Rispetto al mutuo o il prestito personale ci mette al riparo dall’eventuale necessità di ipotecare beni immobili di proprietà, inoltre i tempi di concessione sono piuttosto brevi.

Il rimborso della cifra finanziata può essere dilazionato fino a 120 rate mensili con tasso fisso. Unico prerequisito è la dimostrabilità di un reddito certo e costante. Se il finanziamento finalizzato alla copertura dei debiti supera i 60/70 mila euro diventa allora consigliabile accedere ad un mutuo.

Quest’ultima formula di prestito infatti, elargisce finanziamenti piuttosto alti, anche fino a 500 mila euro. I tempi di restituzione sono decisamente più lunghi e quindi ripartibili in quote rateali piuttosto basse.

Per accedere al mutuo bisogna dimostrare di avere un reddito costante e talvolta diventa necessario ipotecare un’immobile di proprietà aumentando così i costi relativi alle perizie ed all’intervento del notaio.

I tassi d’interesse sono generalmente variabili a seconda dell’attendibilità del richiedente ed ai rischi dell’operazione finanziaria.